25 Febbraio 2018

Mafie ed economia: perché se ne parla poco in campagna elettorale?

scritto da

In un recente video su Econotube abbiamo provato ad interrogarci sul perché il tema della lotta alle mafie sia quasi assente dal dibattito elettorale, nonostante interessi molto – tra le altre cose – il corretto funzionamento di un’economia di mercato. L’impressione generale che traspare è abbastanza eloquente, nonostante qualche differenza. Passando in rassegna i programmi delle forze politiche più accreditate (per chi volesse verificare e approfondire, sono tutti disponibili sul sito del Ministero dell’Interno), si può vedere ad esempio che il tema è assente nel programma unito del centrodestra (nonché nel programma...

18 Febbraio 2018

L'economia dell'ignoranza: la scelta è tra sapersi difendere e pagare

scritto da

La ricchezza è spesso definita come uno stato fisico. Un abbondante conto in banca, beni materiali (auto, case, barche, gioielli), spese superflue quali viaggi o cene in ristoranti costosi. In vero la ricchezza si può anche configurare in modo più umile, considerandola come un benessere mentale. La maggior forma di ricchezza che ognuno di noi, a prescindere dal suo conto in banca, può possedere è quella delle informazioni. Più precisamente il possesso di informazioni, di cultura ( se vogliamo un termine più elegante) è alla base delle scelte che facciamo tutti i giorni. Eppure esiste ancora una classe di persone, temibilmente...

26 Gennaio 2018

Reintrodurre la schiavitù è o no un'opzione per la società moderna?

scritto da

Ogni progresso della civiltà è nato sulle spalle degli schiavi”, spiega il creatore di replicanti nella recente pellicola Blade Runner 2049. È solo fantascienza? No, è la semplice verità. Esistono vari fattori che stanno radicalmente mutando il rapporto uomo-lavoro: una crescente pressione sociale, una politica aziendale strutturata nell’esternalizzare tutto il possibile (ne parleremo tra poco) e una veloce digitalizzazione nell'industria (a svantaggio della forza lavoro umana, in molti settori). Mi domando se non sarebbe opportuno rivalutare la schiavitù (nella sua interezza, non parlo solo di frustate) e considerare...

19 Dicembre 2017

Big data, l'Italia è un'immensa miniera ma non ha minatori!

scritto da

Negli ultimi mesi si è parlato spesso di web tax. Una tassa che avrebbe dovuto riequilibrare (per usare un termine gentile) il disordine (involontario, si intende) che esiste tra le società che operano facendo ricavi e pagano le tasse in Italia e quelle “digitali”, che hanno spesso una sede in una nazione europea dove la tassazione corporativa è particolarmente vantaggiosa (per esempio, l’Irlanda). Stando a quello che si legge in un articolo del Sole 24 Ore la webtax non influenzerà la vendita di beni fisici (e-commerce) ma solo la vendita di servizi e sarà del 3%. A modesto avviso dello scrivente è difficile che tale...

05 Dicembre 2017

Le molestie sono inaccettabili. E fare carriera usando il sesso è legale?

scritto da

Negli ultimi mesi il mondo occidentale è stato investito da un’ondata di giusta indignazione su come il sesso sia stato abusato da alcuni al fine di indurre le vittime a prestazioni non volute. Sia che le vittime siano donne (il caso Weinstein) o uomini (il caso Spacey) azioni del genere sono criminali, e coloro che le perpetrano, se trovati colpevoli di fronte alla legge, sono da punire con le pene più severe. Il sesso dovrebbe essere un atto che ha luogo tra persone egualmente consenzienti e che riguarda la sfera privata di ogni individuo. Tuttavia nutro un crescente timore. Temo che una persona, in un ambito aziendale (mi...

06 Luglio 2017

I fondi pensione, questi sconosciuti

scritto da

Tre quarti dei lavoratori, secondo i più recenti dati della Covip, non conoscono la previdenza complementare o comunque non se ne avvalgono. Il fenomeno interessa soprattutto le donne e i giovani. In questo video l'analisi e i suggerimenti di Beniamino Piccone.  

30 Maggio 2017

Le vite online e la guerra silenziosa sui dati (e chi la perderà)

scritto da

Nelle grandi praterie del web le nostre azioni hanno in comune un piccolo particolare che tanto piccolo non è: si tratta di dati da cui estrarre valore e attorno ai quali si è scatenata una competizione senza esclusione di colpi. Nettamente avvantaggiati i grandi player e in serio svantaggio banche, assicurazioni e compagnie telefoniche. Vediamo come in questo video con Enrico Verga e Alberto Annicchiarico. Twitter @EnricoVerga @albe_

23 Maggio 2017

Aut aut alla sanità: cambiare (come) per salvarla da se stessa

scritto da

Un over 65 ha una spesa sanitaria 11 volte quanto un under 35. Ogni anno la vita media si allunga di 3 mesi, 6 ore al giorno in più. Quindi, a modello sanitario vigente o la spesa si espande o, se come succede dal 2008, la spesa assoluta rimane uguale e quindi i servizi peggiorano. In più si è deciso di aggiungere nuovi LEA (Livelli essenziali di assistenza) a quelli precedenti, obbligando quindi le regioni ad erogarli e quindi aumentando ulteriormente la spesa. Il solo nuovo farmaco sull'Epatite B vale 750 milioni di euro di ulteriore spesa. Si aggiunge a questi fenomeni una serie di nuove tecnologie che vengono introdotte...

16 Maggio 2017

Chi ha paura dei robot?

scritto da

La domanda di robot industriali in Italia, secondo mercato europeo del settore, nel primo trimestre del 2017 è aumentata del 13% facendo prevedere una crescita, nel solo 2017, di quasi 3 miliardi di euro, che spingerebbe il totale a 24 miliardi. Merito, anche, di Industria 4.0, il piano varato dal governo che prevede bonus sugli investimenti in innovazione. Il rovescio della medaglia è che questi numeri potrebbero dare argomenti a chi teme che la rivoluzione dei robot possa mandare in crisi, ancora una volta, il nostro già asfittico mercato del lavoro, facendo esplodere la disoccupazione di massa. Con Francesco Bruno, blogger di...

09 Maggio 2017

Ddl Concorrenza, occasione persa per i consumatori

scritto da

Nella seconda puntata di Econotube, la web tv di Econopoly, Carlo Alberto Carnevale Maffè e Alberto Annicchiarico raccontano come la concorrenza in Italia resti una bella parola. "Il disegno di legge sulla concorrenza - spiega Carnevale Maffè - approvato dalla commissione Industria del Senato dopo una lunga e faticosa gestazione, lungi dall’essere in linea con le richieste dell’Antitrust, ha addirittura rischiato di introdurre elementi anticoncorrenziali nell'ordinamento. Questo è quanto inoppugnabilmente dimostrano le scelte del Parlamento italiano. Rispetto agli impegni richiesti dalla autorità per la concorrenza, qualcosa...