Franco Becchis

Economista e scrittore, è advisor scientifico della Fondazione per l’Ambiente, direttore scientifico della Turin School of Regulation e di Di.Re (Observatory on Digital Markets and Platform mRegulation). Ha insegnato come adjunct professor Environmental economics, finance e public economics in diverse Università italiane e straniere. Autore per lavoce.info. Ha tenuto su Avvenire la rubrica “Persone&Mercati”. Ha tenuto la rubrica L'economista di strada, Fahreneit/RaiRadio3. Ultimi libri: Bestiario di Finanza, Castelvecchi 2016, L’Incarico, Castelvecchi 2018, Passaggio a Tangeri, GolemEdizioni 2021.
06 Settembre 2022

Le scatole vuote della finanza: come si rischia tra Spac e criptovalute

Finanza di strada capitolo 3. Va bene. Chi ha studiato un po' (non dico tanto) di economia e finanza ha pensato per molto tempo che le azioni di un'impresa valgono per il valore attuale dei flussi di cassa futuri prevedibili, scontati a un tasso che rappresenti il costo opportunità degli investitori in quell'impresa. Però sembra che adesso tutti quelli che hanno studiato un po' (non dico tanto) di economia e finanza siano costretti a rivedere la loro idea. Sono cose che nella vita succedono. Vediamo. Innanzitutto la finanza ha tanti soldi, così tanti che forse, mi domando, questo è il motivo per cui compaiono sempre nuovi prodotti...

19 Agosto 2022

La vita è tutta un rischio ma che succede se l'investimento è a leva?

Finanza di strada capitolo 2. È successo. Hai perso la metà del tuo piccolo capitale, erano 10000€, per aver investito nel fondo che ti prometteva il 18%, amico mio, è stata un'esperienza brutta, però adesso non ti deprimere. Oltretutto non sei solo, e molti hanno perso tutto, almeno a te sono rimasti 5000€. Esci a camminare, fa sempre venire delle buone idee e scaccia i cattivi pensieri. Anche se a volte si fanno dei brutti incontri, pensi tu. In effetti hai ragione, l'ultimo incontro con il Manipolatore Finanziario è stato nefasto, ma oggi evita quei vicoli pericolosi della finanza, dai, e non farti tentare da idee strane,...

29 Luglio 2022

In viaggio tra manipolatori, schemi Ponzi, hedge funds e cripto

Finanza di strada capitolo 1. In un mondo immaginario, se qualcuno ti offre il 18% di interesse annuo sui tuoi investimenti, ebbene, come negarlo, tu hai la forte tentazione di sottoscriverlo questo fondo miracoloso e magari buttarci dentro tutti i tuoi risparmi, circa 10000€. Fra un anno, pensi mentre rigiri fra le mani i fogli che il miracoloso promotore ti ha messo davanti agognando una firma che per lui vuole dire una bella commissione guadagnata da subito, dopo un anno, continui a pensare, potrò chiedere gli interessi sul capitale, e siccome ci metto 10.000€ incasserò 1.800€, proprio quello che mi serve per pagarmi le...

04 Luglio 2022

Cosa succede nella prateria delle criptovalute, spiegato semplice

Succede che la finanza è diventata così mostruosamente grande, diciamo 530.000 miliardi di dollari, derivati esclusi, (fonte BCG Global Wealth 2022 Market Sizing) che i predatori che vi si aggirano devono inventarsi modi nuovi per attrarre capitali, modi nuovi che però seguono uno schema vecchio come l'umanità: raccogliere soldi a breve e prestarli a medio lungo, una cosa che le banche fanno da sempre. Ma le banche sono fortemente regolate, e i nostri predatori devono trovare nuove praterie senza regole e controllori. Per finta... E allora facciamo finta che c'è un gruppo WhatsApp di cui vi fidate, diciamo che è composto...

14 Aprile 2022

Il senso dell'inflazione e della patrimoniale per l'enorme diga della finanza

La dimensione della ricchezza mondiale è sfuggente, e la finanza ne è una rappresentazione che privilegia il grado di liquidità degli asset: un fondo, un'azione e un'obbligazione sono infatti più "finanza" rispetto a una casa perché immediatamente trasformabili in liquidità spendibile. Le stime sulle dimensioni della ricchezza/finanza mondiale soffrono di una inevitabile sfumatura di "potenzialità", se così si può dire: il valore di un asset infatti è in sé teorico, fino a che non si traduce in un valore di mercato emerso da una transazione reale, fatta eccezione per gli asset liquidi e per la moneta, reale o digitale, che sono...

10 Marzo 2022

Per capire Vlahovic alla Juve si deve studiare Shiller e il suo CAPE

Chiedersi quanto vale un'azione è un po' come chiedersi quanto vale un calciatore, la cui valutazione è oggi affidata ad algoritmi. Prendiamo il caso Dusan Vlahovic, acquistato dalla Juventus durante la sessione invernale del mercato: il prezzo pagato alla Fiorentina dovrebbe essere uguale al valore attuale dei futuri incrementi di ricavo che potrebbe portare alla squadra. Per esempio grazie all'aumento di pubblico, di pubblicità, al passaggio in Champions League e così via. È tuttavia impossibile predire il futuro rendimento di un calciatore e gli eventuali infortuni, proprio come nelle azioni di borsa è impossibile prevedere...

03 Gennaio 2022

Come nuotare nel mare insidioso della consulenza finanziaria

Nel grande mare della consulenza finanziaria porta a porta, le cosiddette banche-reti (un nome che chiama facili ironie), nuotano pesci diversi, non tutti raccomandabili, alcuni pericolosi predatori, anche se una parte svolge un utile ruolo di accompagnamento e informazione. È tuttavia singolare che l’esame per diventare consulente finanziario sia gestito dalla associazione dei consulenti finanziari: sarebbe preferibile una valutazione esterna e terza. Per un risparmiatore medio, l’ideale sarebbe tuffarsi in questo mare dopo aver acquisito una base minima di educazione e consapevolezza finanziaria, una base che non è purtroppo...

17 Dicembre 2021

Quando il portinaio abusa del suo ruolo: la mega multa ad Amazon

Ci sono voluti più di 2 anni di istruttoria dell'Antitrust italiano per arrivare alla mega multa da più di 1,2 miliardi inflitta ad Amazon per abuso di posizione dominante (violazione dell'articolo 102 del trattato di funzionamento dell'Unione Europea). Soltanto in luglio la Ue aveva comminato una multa inerente l'area della privacy (Gdpr) di "soli" 746 milioni. Amazon ha sede a Seattle ma le sue attività in Europa sono gestite da 4 diverse società: non è semplice ricostruire il suo giro d'affari in Italia ma per l'Antitrust si tratta di 6-8 miliardi. La multa coprirebbe quindi circa il 20% del fatturato, un colpo non...

10 Novembre 2021

I francesi sul sedile del conducente, bus toscani a Ratp. Cosa cambia?

Approvato il decreto concorrenza e rinviata dal Consiglio di Stato al 2023 la scadenza delle concessioni balneari (direttiva Bolkestein) da Firenze è arrivata nel silenzio generale una novità sostanziale: il 1 novembre la società Autolinee Toscane (gruppo Ratp).vincitrice della gara di affidamento del trasporto publico locale nella regione, ha spodestato l'incumbent nella gara europea da 4 miliardi per 11 anni di servizio. Un fatto abbastanza unico in Europa, dove dominano gli affidamenti in house ( quelli in casa, cioè alle imprese dei municipi). L'appalto interessa  un bacino di utenza di 3,7 milioni di persone e un percorso di...

04 Ottobre 2021

Evergrande è solo l'ultima bolla immobiliare. Ecco perché la storia si ripete

Sul fallimento di fatto di Evergrande, il colosso cinese dell’edilizia, è stato detto tutto dal punto di vista della cronaca: il debito di circa 300 miliardi di dollari, i grattacieli invenduti, gli alloggi già pagati e non consegnati a un milione e mezzo di cinesi (fonte: Telegraph), i risparmi dei clienti razziati dalla divisione asset management del gruppo. Due correnti finanziarie speculative si scontrano nell’oceano burrascoso del debito di Evergrande. Uno dei suoi bond ha una cedola dell’8% ed è arrivato a quotare 22 dollari su 100 di nominale: sui bond pesano le posizioni short assunte da fondi speculativi molto esposti...