Accademia Politica

Accademia Politica è un'associazione di studenti dell'Università Bocconi. I nostri background spaziano dalla giurisprudenza all'economia, ma quello che ci accomuna è la passione per la politica. Proponiamo un'analisi oggettiva e critica degli eventi politici, in un contesto giovane dove confrontarci dando una voce a tutti.
25 Giugno 2020

Il principio di codeterminazione, l'esempio tedesco e perché funziona

Nelle scorse settimane, l’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando (PD) ha scatenato un acceso dibattito pubblico sulla necessità di esercitare un potere di controllo e vigilanza nelle aziende che beneficiano degli ingenti prestiti erogati dallo Stato italiano. Richiamandosi all’esempio della Germania, l’esponente del Partito Democratico ha suggerito che lo Stato possa entrare nel Cda delle aziende beneficiarie per un determinato periodo, in modo da garantire che l'impresa mantenga gli impegni assunti nel momento in cui riceve finanziamenti a fondo perduto da parte dello Stato. La proposta ha suscitato grandi polemiche...

08 Giugno 2020

L'Italia ce la farà con i soldi dell'Europa? Facciamo due conti

Mes, Sure, Bei, Recovery Fund, Btp Italia, Bce… Questi termini sono ormai diventati parte nel nostro gergo quotidiano: i media non parlano d’altro, gli analisti trattano costantemente questi strumenti – visto il loro potenziale economico-sociale –, ma il cittadino comune vuole rendersi conto del valore di questi “paroloni”. Letteralmente, in soldoni, si vuol capire quanti miliardi di euro spetteranno all’Italia per uscire dalla crisi. Soprattutto, va compreso quali strumenti, tra quelli sopra citati - e che forse possono persino coprire per intero le spese (italiane) derivanti dalla crisi, che l’Osservatorio CPI di Carlo...

25 Maggio 2020

MES e OMT: è sempre l’ora di un bazooka della BCE?

  “The ECB is ready to do whatever it takes to preserve the Euro” Ci sono frasi che rimangono nella storia e certamente questa di Mario Draghi, pronunciata nell'estate del 2012, nel mezzo della crisi dei debiti sovrani, è una di quelle. Sappiamo tutti che Draghi salvò l’euro in quell'occasione, ma di cosa stiamo parlando concretamente? Outright Monetary Transactions (OMT) In quella sede, Draghi stava annunciando la creazione delle Outright Monetary Transactions (OMT). Le OMT sono uno strumento di politica monetaria di cui la Banca Centrale Europea dispone dall'agosto 2012. A livello pratico, con le OMT la BCE può acquistare...

14 Maggio 2020

Che cosa sono le imprese zombie e perché forse è giunta la loro ora

La stagnazione della produttività rappresenta uno dei principali problemi dell’economia europea e italiana degli ultimi anni. Nonostante una ripresa del sistema Europa dopo la crisi del debito del 2012, la produttività media ha subito un lento declino. Per spiegare questo declino, gli economisti hanno addotto ragioni cicliche quali la crisi finanziaria del 2008 e il rallentamento generalizzato delle economie mondiali e ragioni strutturali. Tra queste si annoverano il declino del progresso tecnologico, errori di misurazione e un minore dinamismo imprenditoriale. Molti attribuiscono la crisi della produttività globale a...

10 Maggio 2020

Tutta la verità sul SURE, la cassa integrazione Ue (che è un prestito)

L’Italia sta fronteggiando un’emergenza sanitaria di portata storica. Il rischio è che, con ogni probabilità, potrebbe trasformarsi in una crisi economica senza precedenti: più di  3 milioni di famiglie hanno visto il loro reddito complessivo dimezzarsi, mentre più del 50% delle imprese italiane, senza gli adeguati provvedimenti, rischia di chiudere. A tal proposito è intervenuta la Commissione Europea, sotto la guida della presidente  Ursula von der Leyen e, per l’Italia, del Commissario europeo per l’economia Paolo Gentiloni, con una nuova misura di sostegno al lavoro europeo, sotto il nome di SURE. Cos’è? SURE,...

05 Maggio 2020

Decreti legge o Conte? Più che di legittimità è questione di fiducia politica

In Italia il Governo è debole perché così lo vuole la Costituzione del 1948 e le ragioni storiche di tale volontà sono evidenti: un esecutivo forte aveva consentito al leader fascista di conquistare i pieni poteri e da tale rischio si voleva rifuggire per sempre. È naturale, dunque, che nel nostro ordinamento non siano previsti poteri di emergenza o stati di assedio cui ricorrere in caso di eventi eccezionali, salvo lo stato di guerra disciplinato dall’articolo 78 della Carta. Tuttavia, come drammaticamente dimostrato dalla recente pandemia, le catastrofi e la necessità di farvi fronte esistono anche contro i desiderata del...

01 Aprile 2020

L' Eurobond e la trilogia impossibile dell'Unione monetaria

In un momento di crisi, come quello odierno, si moltiplicano le lamentele nei confronti dell’Unione Europea, colpevole di non essere abbastanza presente e di erogare aiuti inferiori alle aspettative: ma quali dovrebbero essere le nostre aspettative? Proprio a questo riguardo, negli ultimi anni, si è parlato di una nuova trilogia impossibile, riguardante proprio l’unione monetaria: L’assenza di co-responsabilità del debito pubblico tra paesi europei: ogni paese dell’unione europea è responsabile soltanto del proprio debito, sono dunque vietati i trasferimenti fiscali tra stati. L’impossibilità della BCE di stampare...

18 Febbraio 2020

Tra maggioritario e proporzionale, quale legge elettorale per spingere il Pil?

Come in ogni legislatura post Prima Repubblica, l’argomento della riforma della legge elettorale aleggia tra le commissioni parlamentari e sull’agenda di Governo. Non essendoci vincoli costituzionali, l'Esecutivo ha la quasi totale autonomia nella scelta della legge elettorale, che verrà dunque determinata dalla convenienza e dallo scenario politico. In queste ore la maggioranza ha deciso di accelerare sul pacchetto delle riforme costituzionali e sulla legge elettorale, con l'obiettivo di approvare il cosiddetto Germanicum (sistema proporzionale con soglia di sbarramento al 5%) in Commissione alla Camera entro il 29 marzo, quando...

26 Gennaio 2020

Autostrade, il Governo e la revoca: perché lo Stato rischia un Vietnam

Secondo i bene informati Autostrade per l’Italia (Aspi), il colosso che fa capo alla famiglia Benetton, resterà fuori dai giochi dopo il voto in Emilia-Romagna. Il Governo avrebbe deciso di passare il Rubicone e compiere un gesto estremo, alla luce soprattutto della tragedia del Ponte Morandi del 14 agosto 2018. Tuttavia, per comprendere la complessità della concessione ad Autostrade per l’Italia e cosa comporterebbe una sua eventuale revoca, non ci si può fermare ai sensazionalismi e occorre guardare indietro nel tempo. A partire dagli anni ‘90, il processo di privatizzazione della rete autostradale in Italia non si è mai...