Beniamino Piccone

Private banker, insegna Sistema Finanziario presso l'Università Carlo Cattaneo-LIUC di Castellanza. È l’animatore di Faust e il Governatore, apprezzato blog di economia, finanza e spirito civico. Ha scritto “L’Italia: molti capitali, pochi capitalisti (Il Sole 24 Ore, 2019, con la prefazione di Francesco Giavazzi). Ha curato quattro volumi su Paolo Baffi, di cui è il massimo conoscitore sul territorio italiano: Paolo Baffi, Via Nazionale e gli economisti stranieri, 1944-1953, (Aragno, 2017); Paolo Baffi, Servitore dell’interesse pubblico. Lettere 1937-1981 (Aragno, 2016); Paolo Baffi e Arturo Carlo Jemolo, Anni del disincanto. Carteggio 1967-1981 (Aragno, 2014); con Sandro Gerbi, Paolo Baffi Parola di Governatore (Aragno, 2013).
16 Marzo 2021

Il dirittismo italico e il rischio zero che non esiste. Serve un nuovo Muccioli

"Come siamo arrivati fino a questo punto, Dylan?". "Un passo alla volta nella direzione sbagliata". Un popolo che non fa figli, adagiato pigramente sul passato, con la nostalgia di un miracolo economico che non tornerà più. L'italiano pretende diritti ad ogni piè sospinto. Non vuole costi. Solo vantaggi. Non conosce il "do ut des". Dopo una stagione lunghissima di crescita indefessa di debito pubblico e svalutazioni competitive (che nascondevano la perdita di competitività), non sappiamo a quali droghe affidarci. Grazie all'intelligenza di Mario Draghi che invocò nel 2012 il "whatever it takes", supportato da Angela Merkel e...

13 Febbraio 2021

Il Draghi 1 è il migliore dei governi possibili e i 5 stelle i grandi sconfitti

Vittorio Colao, manager di caratura mondiale, era stato incaricato, dal Governo guidato da Giuseppe Conte, di stendere un Piano per la ripresa strutturale del Paese. Colao chiamò a sé diverse persone (tra cui Roberto Cingolani, neo ministro della Transizione Ecologica), stese il piano, lo consegnò al premier, che bellamente non ne fece nulla. Questo è il mantra del grillismo: farsi belli chiedendo consiglio a persone autorevoli e poi fare l’opposto. Una strategia che fortunatamente non ha pagato. Conte è andato in piazza col banchetto come fosse un venditore di castagne e Colao – vivaddio – è ministro dell’Innovazione...

27 Dicembre 2020

Bonus economy, la cessione del credito conviene solo agli incapienti

Ha contribuito a questo post Antonio Caggia, docente e ricercatore di economia e finanza alla Liuc Università Cattaneo - In questi giorni si fa un gran parlare di cessione del credito maturato a valle della creazione da parte del governo della politica dei bonus: SuperBonus (pari al 110% della spesa ammissibile), Ecobonus (50%, 65%, 75% o 110%), Sismabonus (50%, 70%, 75%, 80% o 85%), Colonnine di ricarica (110%), Bonus facciate (90%) e Ristrutturazione edilizia (50%). Le alternative per il contribuente che ha sostenuto la spesa sono sostanzialmente tre, ognuna con le proprie peculiarità, aspetti critici e obblighi burocratici (per...

11 Dicembre 2020

L’uso del contante va fatto pagare caro (se si vuole ridurre il sommerso)

Ha contribuito a questo post Antonio Caggia, docente e ricercatore di economia e finanza alla Liuc Università Cattaneo - Il governo ha deciso di intervenire per contrastare il sommerso e l’evasione e ha emanato provvedimenti diretti a premiare i pagamenti con carta di credito o di debito. È stato direttamente il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in diretta tv il 3 dicembre scorso ad annunciare le novità in tema di “cashless” economy. Sul sito governo.it si legge: “Italia Cashless è un piano messo a punto dal Governo per incentivare l’uso di carte di credito, debito e app di pagamento, per modernizzare il Paese e...

05 Dicembre 2020

Omaggio a Giordano Zucchi, imprenditore tenace e determinato

Pochi giorni fa ci ha lasciato Giordano Zucchi, classe 1928, imprenditore tenace, vigoroso, determinato. In un bel necrologio sul Corriere della Sera è stato definito come “patriarca di grande umanità”. Dopo aver preso la guida della Zucchi S.p.A. giovanissimo (nel 1953, a soli 25 anni), a seguito della morte del padre Vincenzo, fondatore, Giordano Zucchi – insieme ai fratelli Manlio e Rolando - è riuscito a far crescere il gruppo fino a diventare il maggiore produttore di biancheria per la casa in Europa con 1.700 dipendenti. Che tempi quelli del boom economico! Seguì la quotazione del Gruppo Zucchi alla Borsa di Milano nel...

25 Agosto 2020

Crisi di liquidità? Esiste una soluzione, la crowdliquidity

Il 2020 sarà ricordato come uno degli anni più difficili della storia recente. Nessuna delle crisi finanziarie degli ultimi decenni (crisi sub-prime nel 2008, la dot-com bubble nel 2000, o anche la crisi petrolifera alla fine degli anni ‘70) ha avuto un impatto di così grande portata. Quasi tutti i settori sono stati colpiti – in maniera diretta ed indiretta – ed in molti si chiedono come farà l’Italia a ripartire. Secondo un’indagine di Confcommercio, in collaborazione con SWG, a due settimane dall’inizio della fase due, solo l’82% delle imprese del commercio e dei servizi ha deciso di riaprire (di cui, solo il 73%...

30 Maggio 2020

Nell’incertezza della pandemia, Visco invoca riforme e giustizia sociale

Quest’anno assistere in diretta video alle Considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia è sembrata un’esperienza distopica: l’unico a viso scoperto era Ignazio Visco, mentre tutto il Direttorio e i pochi presenti distanziati indossavano la mascherina. Che tempi! Fin dalle prime righe delle Considerazioni finali - la summa del pensiero della Banca d’Italia – il linguaggio tipicamente felpato di Via Nazionale assume toni preoccupati: “E’ una crisi senza precedenti nella storia recente, che mette a dura prova l’organizzazione e la tenuta dell’economia e della società”. In un contesto normale sarebbe...

26 Maggio 2020

Cemento? No, grazie. Le vere infrastrutture sono digitali

Questo articolo è stato scritto a quattro mani con il professor Marco Ponti, già professore ordinario di economia applicata al Politecnico di Milano; in precedenza, tra le altre cose, ben 13 anni spesi come consulente alla Banca Mondiale sull’analisi di investimenti pubblici - In un Paese che non crede nei mercati finanziari e che vede purtroppo una corrispondenza quasi totale tra sistema creditizio e sistema finanziario, è difficile sostenere la migliore efficienza allocativa dei mercati rispetto al mondo bancario. Ma una recente intervista a Regina De Albertis, presidente dell’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili)...

07 Maggio 2020

L'Italia analfabeta del rischio e le mancate tutele universali

Come ha spiegato lo scienziato cognitivo Gerd Gigerenzer, la certezza è solo un’illusione (Imparare a rischiare, Cortina, 2014) . Dobbiamo uscire dalla logica della certezza e ragionare sulle probabilità. La gente ha idee sbagliate perché è stata educata male. Il nostro sistema scolastico è stato disegnato per un mondo che non esiste. C’è un’incredibile cecità per quanto riguarda l’alfabetizzazione al rischio: “Insegniamo ai nostri figli la matematica della certezza, geometria e trigonometria, ma non quella dell’incertezza, il pensiero statistico; insegniamo loro la biologia ma non la psicologia, cioè la cosa che dà...

01 Maggio 2020

Buon compleanno, Econopoly, agorà in cui si scrive da persone libere

Econopoly, questo blog di “sovversivi” che state leggendo - ideato e curato da Alberto Annicchiarico – il cui understatement è pari alla sua tenacia - compie cinque anni. L’esordio avvenne in questi stessi giorni nel 2015, proprio quando Milano, con orgoglio e dedizione, riuscì ad aprire in tempo l’EXPO. Vi ricordate cosa diceva Beppe Grillo? Che EXPO non sarebbe mai nata: il comico si sbracciava dicendo “Ma chi è che viene a Rho? Ditemi!”. E invece ebbe un grande successo. Così come Econopoly, nato in sordina e all’ombra della corazzata “Sole 24Ore”, è oggi un'agorà di confronto di livello tra economisti e...