Francesco Bruno

Legal Manager, già avvocato, European Master in Law and Economics (LL.M) e Master di specializzazione "Avvocato d'Affari" presso la Business School de Il Sole 24 Ore. Ha studiato presso la Fairmont State University, l'Università della Calabria, l'Erasmus University of Rotterdam, l'Università di Hamburg e l'Alma Mater Studiorum di Bologna. Si occupa prevalentemente di Diritto Commerciale, Contrattualistica nazionale e internazionale, M&A e Compliance (231/Data Protection/Antitrust). Ha collaborato con l'Institute of Competition Law. Twitter @frabruno88
26 Gennaio 2021

La dannosa narrazione su Recovery plan e Mezzogiorno

Quante volte sentiamo dire che il Recovery plan sarà una sorta di ultima chiamata per il Mezzogiorno? La narrazione fuorviante ha ormai abbandonato i confini delle regioni meridionali, essendo divenuta il leitmotiv dell’intero caso italiano. Sembra aver trovato spazio nell’ultima bozza del piano recentemente approvata dal Consiglio dei Ministri, nella quale il Sud è inserito tra le tre priorità trasversali (le altre due sono la parità di genere ed i giovani). L’obiettivo dichiarato è quello di “Ridurre i divari territoriali e liberare il potenziale inespresso di sviluppo del Mezzogiorno, massimizzando nelle Linee di...

05 Gennaio 2021

Il difficile 2021 delle imprese italiane e l'efficacia dei decreti

Il Covid-19 sta mettendo a dura prova la vita delle persone, delle famiglie e delle imprese di tutto il mondo. Fin dall’inizio della pandemia, i Governi hanno cercato di attuare ogni tipo di misura per salvare vite umane e per cercare di tutelare l’economia. Lo shock pandemico ha colpito un po’ tutti. Tuttavia, è inevitabile che anche il modo in cui si arrivati all’evento esogeno abbia avuto il suo peso. Che si parli di Stati, di imprese o di famiglie, si possono sempre distinguere situazioni di partenza virtuose e meno virtuose. E la distinzione influisce sui tempi e le modalità di reazione alla crisi. Limitiamo questa...

04 Novembre 2020

La politica italiana ha deciso di impadronirsi del mercato

Co-autore di questo post è Beniamino Piccone L’Economist ha scomodato persino l’amato Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa per condire un pezzo molto amaro sul declino del capitalismo italiano. In realtà, sempre rimanendo in tema di letteratura siciliana, sarebbe stato forse più appropriato citare romanzi borghesi, come quelli di Giovanni Verga o di Stefania Auci (che ha raccontato l'epopea dei Florio, i Buddenbrook nostrani), piuttosto che un romanzo aristocratico. Ma l’accostamento resta comunque affascinante. L’articolo, dopo aver enunciato qualche numero (solo 7 aziende italiane quotate rientrano nelle top 1000...

12 Agosto 2020

Il futuro del Sud, tra i nuovi incentivi del decreto agosto e i vecchi problemi

Sembrano abbastanza sterili le polemiche territoriali generate dagli annunci relativi alle misure del cosiddetto decreto agosto. In particolare, molti hanno tirato per la giacchetta la proposta di taglio del 30% sui contributi pensionistici pagati dalle imprese nelle aree del Mezzogiorno. Dal Nord si sono levate alcune reazioni di sorpresa, considerato che la caduta del Pil nel 2020 sarà più marcata nel settentrione che nel Sud (-9,6% contro -8,2%, secondo i dati SVIMEZ). Dall'altro lato della penisola, si sono udite e lette le solite lamentele del “è troppo poco”. Con riferimento a quest'ultime, come evidenziato da Angelo...

10 Luglio 2020

South Working: il lavoro smart da Sud è utopia o possibilità concreta?

Non è stata la prima volta che “lavoravo agilmente” in Calabria, lontano dall’ufficio. Eppure, le sensazioni erano molto diverse. Mi sono sentito più tranquillo. Probabilmente perché nei precedenti pre-coronavirus tutti i colleghi erano in sede, mentre attualmente il lavoro agile è diventata regola a causa della pandemia. (con tanto di avallo normativo) Tornato a Milano, mentre ero seduto nel salone del parrucchiere, questi mi ha chiesto come stessi lavorando. In smartworking, gli rispondo. «Eh, tanti miei clienti sono già da un pezzo nella seconda casa al mare… chissà cosa ne sarà di Milano.» Ho provato di nuovo...

15 Giugno 2020

Il Piano Colao sugli appalti pubblici è un altro flop. Ecco perché

Sono anni che si discute della revisione, sospensione o cancellazione del Codice degli appalti [1] (“Codice” nel prosieguo). Media, tecnici, politici... Tutti sembrano concordare sull'opportunità di far qualcosa, con il fine di poter accelerare i processi burocratici che spesso si interpongono tra le decisioni della politica e l’esecuzione effettiva di quanto deciso. Il tema è affrontato anche nel corposo rapporto predisposto dal “Comitato di esperti in materia economica e sociale”, cosiddetto “Piano Colao”. Il principio indicato è quello di una “revisione del codice degli appalti per allinearlo agli standard...

20 Maggio 2020

Unione Europea a un punto di svolta, ma l'Italia è pronta alla sfida?

Quando la Banca Centrale Europea, la Corte di Giustizia  e la Commissione  hanno in sequenza commentato, duramente, la sentenza della Corte Costituzionale tedesca sul Public Sector Purchase Programme dell’istituto con sede a Francoforte, ho pensato che fossimo giunti ad un tornante della storia dell' Unione Europea. Si è appena agli inizi della curva, non è detto che si completi il giro e si imbocchi un nuovo rettilineo. Ma l’autodifesa delle istituzioni “federali” dall'attacco di una corte nazionale non può passare inosservata. Certo, si è trattato del giudizio di una corte a sua volta indipendente, ma il fatto stesso che...

19 Aprile 2020

Fase 2, breve manuale per una necessaria pace tra Stato e Regioni

In tema di conflitto Stato-Regioni, su questi pixel abbiamo sempre seguito passo dopo passo il difficile percorso che avrebbe dovuto condurre all'autonomia differenziata (ecco l'ultimo della serie). Non c’è stato il tempo per raggiungere il traguardo prima dell’irruzione del virus. Appare chiaro che si continuerà con l’assetto istituzionale vigente per molto tempo ancora. Mai come adesso però, l’argomento può essere fonte di aspri scontri, in cui si mescolano irredentismi locali e prese di posizioni politiche per rimarcare differenze dall’Esecutivo. Durante la prima fase, lo spettacolo offerto non è stato edificante. Gli...

25 Marzo 2020

Quarantena necessaria, ma quale strategia se la pandemia durasse mesi?

Non è semplice combattere contro un nemico praticamente sconosciuto. Si rischia di brancolare nel buio e di essere indotti a scegliere politiche sbagliate. A volte eccessivamente precauzionali, a volte scarsamente precauzionali. Il grande limite che ci attanaglia riguarda poi il tempo. Tutti vorremmo che questo incubo avesse una durata limitata, ma soprattutto predefinita. Da qui la ricerca spasmodica sulla data del “picco” o l’attesa del 3 aprile come di un Sabato del Villaggio di Leopardiana memoria. Eppure, nessun esperto si sta esponendo su questo tema. Si concorda sul fatto che le misure di contenimento siano necessarie...

03 Marzo 2020

Se più che dal coronavirus il contagio arriva dalla burocrazia

Si è appena aperta la seconda settimana da quando il coronavirus, il cosiddetto Covid-19, è entrato prepotentemente nelle vostre vite. L’impatto è stato fortissimo, sotto innumerevoli punti di vista. La reazione delle istituzioni è stata molto tempestiva. Dal 22 febbraio in poi, è stato un susseguirsi continuo di decreti, ordinanze, circolari. Ma a farne le spese è stata la qualità dei provvedimenti. Attualmente però, non è importante far la conta degli errori. La compattezza di un popolo è fondamentale nei momenti difficili, così come la collaborazione fra istituzioni e cittadini. Pensiamo piuttosto a cosa possiamo...