31 Dicembre 2017

I dieci migliori post di Econopoly nel 2017!

scritto da

I più letti non sempre corrispondono ai migliori o ai più rappresentativi. Ecco perché ho voluto stilare un elenco (non è una classifica) dei 10 top post secondo me, quelli che in qualche maniera interpretano meglio lo spirito di Econopoly. Riflessioni che sono anche anticipatorie di quel che verrà. Numeri, idee, progetti per il futuro: questo blog, che i lettori hanno promosso allo status di piattaforma aperta ai contributi di menti libere, vive soprattutto del sostegno dei suoi contributor senior, quelli che Econopoly lo hanno sognato e progettato insieme a chi vi scrive. Buona lettura e rilettura. E buon 2018. Ci meritiamo un...

30 Dicembre 2017

I dieci post più letti di Econopoly nel 2017

scritto da

Mi è stato fatto notare che Econopoly spazia troppo, che gli argomenti sono eccessivamente vari, che non si vede una vera linea editoriale. Ho sempre risposto, e continuo a farlo, che esattamente questa è la linea editoriale, l'idea da cui è nato questo blog ben presto diventato piattaforma: contributi di manager, professionisti, economisti, docenti, giornalisti (purché non siano giornalisti del Sole, già liberi di esprimersi sui loro blog) che parlino di economia e, molto semplicemente, valgano la pena di essere letti. Qualche volta questo significa essere in perfetta sintonia con il quotidiano Sole 24 Ore, altre volte meno. E...

08 Dicembre 2017

Il Veneto presenta il conto del referendum, ma la politica si nasconde

scritto da

Il 4 dicembre 2016 ha segnato una tappa importante della recente storia politica italiana, provocando – tra le altre cose – la caduta di un Governo. È stato un periodo in cui la nostra Costituzione era al centro delle cronache politiche, "costringendo" un po' tutti a tentare di conoscerla meglio. Cosa è rimasto di quel tentativo di riforma un anno dopo? Non sono più oggetto di dibattito la struttura bicamerale del Parlamento, le procedure legislative, i poteri di Governo, Presidente della Repubblica e della Corte Costituzionale. L’unico tema del tentativo di riforma costituzionale che resta attuale, sebbene a fasi alterne,...

28 Novembre 2017

Perché chiudere l'Inps e privatizzare il sistema pensionistico è una pessima idea

scritto da

L'autore di questo post, Valentino Larcinese, è professore ordinario presso la London School of Economics. In precedenza ha insegnato alla Bocconi, ha lavorato presso il Servizio Studi della Banca d’Italia ed è stato visiting professor presso diverse università fra cui il MIT e Sciences Po. Le sue aree di studio riguardano l’intervento pubblico nell’economia (in particolare le sue determinanti politiche e istituzionali), la disuguaglianza economica e politica, l’effetto elettorale dei mass media - La democrazia è faticosa e dispendiosa. La ricerca di punti di equilibrio fra idee e interessi contrapposti richiede i suoi...

26 Novembre 2017

Perché sarebbe giusto abolire l'Inps (la madre di tutte le riforme)

scritto da

È di questi giorni l’ennesima discussione sull’innalzamento dell’età pensionabile, un grande classico. Come sempre, due le scuole di pensiero: aumentare la spesa pubblica e non aumentare l’età pensionabile, e aumentare la spesa pubblica ed aumentare l’età pensionabile. Questa volta però il dibattito sui media è centrato su “giovani contro vecchi”. Assomiglia al titolo di una puntata di Ciao Darwin, ma non c’è nulla da ridere, questa volta. “È sbagliato nei confronti dei giovani non aumentare l’età pensionabile!” tuonano gli auto dichiarati pro-giovani. “Aumentare l’età pensionabile rallenterà...

22 Ottobre 2017

Perché l'economia di domani sarà parecchio diversa da quella che abbiamo studiato

scritto da

Le grandi crisi del secolo scorso, quella del 1929 e la stagflazione degli anni Settanta, hanno prodotto un sostanziale cambiamento nella teoria macroeconomica e nelle politiche di governo degli aggregati macroeconomici. Dalla crisi del 1929 sono diventate centrali le ricette che si rifanno al lavoro di Keynes nella Teoria generale dell'occupazione, dell'interesse e della moneta, basate sul controllo della domanda aggregata, sulla rilevanza della politica fiscale. Politiche che hanno funzionato abbastanza bene fino alla fine degli anni sessanta, quando il manifestarsi della stagflazione ha posto le basi per una critica, una rivisitazione,...

07 Ottobre 2017

Il dialogo, la tecnologia che ci serve davvero

scritto da

Email, Cellulari, Big Data, Intelligenza Artificiale, Internet of Things, Social Networks. Quando nelle nostre aziende pensiamo all'innovazione e alla tecnologia oggi sono queste le parole chiave che usiamo. Io credo che la tecnologia più potente e che fa la differenza oggi sia un'altra: il dialogo tra gli esseri umani. Da Wikipedia: Il termine dialogo (dal latino dialŏgus, in greco antico διάλογος, derivato di διαλέγομαι «conversare, discorrere» composto da dià, "attraverso" e logos, "discorso") indica il confronto verbale che attraversa due o più persone come strumento per esprimere sentimenti diversi e...

27 Settembre 2017

Lavorare troppo non è figo

scritto da

Il numero di ore lavorate, per chi lavora, in media, continua a calare, un po' ovunque: Ma dentro alla media c'è una parte dei lavoratori che invece lavora molte ore (qui i dati si riferiscono agli Stati Uniti): E chi lavora molte ore in media guadagna di più per ora: Quando una persona fa un lavoro che le piace, in cui trova soddisfazioni, economiche, di carriera, di cambiamento del mondo tramite il proprio lavoro, facilmente sposta il proprio tempo sul lavoro togliendolo al resto. Le motivazioni sono molto forti e abbastanza facili da capire, pur se difficili da accettare. I lavori belli sono adrenalinici, portano a un...

24 Settembre 2017

Solo l’economia che serve. Niente di più, niente di meno

scritto da

In passato ho partecipato a discussioni in merito a come realizzare un testo di economia sì profondo ma anche adeguatamente semplice, che aiutasse a diffondere una sufficiente cultura economica non “addomesticata”. Purtroppo le idee tendevano sempre verso forme di “economics for dummies” in realtà più banali che semplici, francamente insoddisfacenti. Grazie alla mia amicizia con il professor Enrico Colombatto, ho potuto prima leggere The economics you need e poi offrirmi a supporto della sua versione italiana recentemente pubblicata: L’economia che serve. Ritengo che questo libro offra finalmente un adeguato equilibrio tra...

03 Maggio 2017

Cosa deve succedere perché Macron sia in grado di governare

scritto da

Pubblichiamo un post di Christopher Dembik, head of Macro Analysis di Saxo Bank -  "Non vi è alcuna controversia tra il Ministro delle Finanze e me. Per una semplice ragione che riguarda in particolare la difesa. Io decido e lui fa ciò che io decido”. Jacques Chirac, 14 luglio 2004 Le cinque principali deduzioni dalla prima tornata elettorale: 1 - Diversamente da quanto è accaduto ai tempi della Brexit e delle elezioni USA, i sondaggi in Francia hanno dimostrato di essere altamente attendibili. E’ stata infatti utilizzata una metodologia che ha ridotto al minimo il margine di errore. 2 - Il Front National ha perso...