Econopoly


Numeri idee progetti per il futuro

03 Gennaio 2022

Come nuotare nel mare insidioso della consulenza finanziaria

scritto da

Nel grande mare della consulenza finanziaria porta a porta, le cosiddette banche-reti (un nome che chiama facili ironie), nuotano pesci diversi, non tutti raccomandabili, alcuni pericolosi predatori, anche se una parte svolge un utile ruolo di accompagnamento e informazione. È tuttavia singolare che l’esame per diventare consulente finanziario sia gestito dalla associazione dei consulenti finanziari: sarebbe preferibile una valutazione esterna e terza. Per un risparmiatore medio, l’ideale sarebbe tuffarsi in questo mare dopo aver acquisito una base minima di educazione e consapevolezza finanziaria, una base che non è purtroppo...

02 Gennaio 2022

Mattarella, Draghi e i dati a sostegno (anche) delle opinioni altrui

scritto da

L’autore di questo post è l’avvocato Matteo Bonelli. Si occupa di societario e contrattualistica commerciale  Dal messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica non ci si deve attendere molto. La sua liturgia prevede affermazioni come “la mamma è buona”, da declamare con toni profondi e commoventi, a cui seguono usualmente giaculatorie di “fedeli” sparsi qua e là. Così è stato anche quest’anno, in cui il messaggio del Presidente è stato dominato, come era prevedibile, dalla pandemia. Solo verso la fine si è rivolto ai giovani, da cui sembra dipendere il futuro del nostro paese: un’ipotesi più...

31 Dicembre 2021

Patrimonio e società: un tempo, i genitori lasciavano qualcosa ai figli

scritto da

È risaputo: nella buona tradizione delle famiglie italiane, madre e padre svolgono un compito filogenetico, quasi eseguissero delle istruzioni inscritte nel proprio DNA: lavorano per una vita nel tentativo di accumulare beni da lasciare ai propri figli. Certo, il presente, semplicemente indicativo o elegantemente narrativo, comincia a essere fuorviante, in considerazione del fatto che le nuove generazioni, molto probabilmente, a causa delle congiunture macroeconomiche non proprio favorevoli dell’ultimo ventennio, saranno costrette a rinunciare silenziosamente a questo costume. Di fatto, oggi, leggendo i report della Banca...

30 Dicembre 2021

Perché il futuro delle città dipende dal cambio di pelle delle Utilities

scritto da

Post di Marco Gasparri, Innovation Manager di Green Network - Il settore dei servizi sta fronteggiando enormi cambiamenti, anche rispetto alle sfide epocali che la realtà contemporanea ci ha messo di fronte: emergenza Covid-19, accelerazione sulla digitalizzazione, remotizzazione del lavoro, accresciuta consapevolezza dei clienti, sempre più attenti, informati e in cerca di risposte. Come se tutto questo non bastasse, per il mercato delle Utilities vanno considerati anche degli ulteriori elementi di contesto: l’impennata dei prezzi dell’energia (dalle 18 alle 19 di mercoledì 24 novembre 2021 le forniture all’ingrosso di...

30 Dicembre 2021

Non va tutto male, sapete? Nel 2021 più luci che ombre per le imprese

scritto da

Al termine di questo 2021 può essere il momento di un primo, sommario bilancio sullo stato di salute dell’impresa italiana dopo il terremoto del 2020 e la ripresa del 2021; anche se nel prosieguo non potremo certo svolgere un’analisi esaustiva, ci sarà l'occasione di cogliere alcuni segnali ci che paiono evidenti in questo momento. Proprio un anno fa, in questo spazio, nel fare il quadro di tutti i provvedimenti che il Governo aveva adottato per attutire l’impatto della crisi pandemica, e nel commentare una presa di posizione piuttosto netta dell’EBA (la European Banking Association) che chiedeva alle Banche associate di...

28 Dicembre 2021

PNRR, se l'Italia mette in standby la comunicazione con i cittadini

scritto da

Post di Flavia Gamberale, esperta di comunicazione istituzionale e aziendale, giornalista –

Mentre la stragrande maggioranza dei Paesi europei ha dedicato, all’interno dei propri piani di riprese e resilienza, ampio spazio alla programmazione di attività di comunicazione finalizzate a far conoscere ai cittadini le opportunità del NextGenerationEu, l’Italia sembra non avere dedicato la medesima cura al tema in questione.

Per ora è attivo solo un sito web, Italia Domani, con annessi e ovviamente immancabili profili social, ma non è ancora stata presentata una strategia di comunicazione organica e articolata sul...

27 Dicembre 2021

Open innovation fa rima anche con assicurazioni? Ecco la formula magica

scritto da

Post di Fabio Carsenzuola, CEO di Europ Assistance Italia -  Spesso si confonde la tecnologia con l’innovazione. In realtà, la tecnologia è semplicemente il mezzo per fare innovazione, che vuol dire riuscire a offrire ai clienti un servizio nuovo, più veloce ed efficiente. Un percorso che unisce passato e futuro per garantire un presente migliore. Penso, per esempio, all’invio di un carroattrezzi per recuperare un’auto in panne: il servizio sarà sempre fisico, ma nel frattempo abbiamo digitalizzato la richiesta d’intervento, riducendo sensibilmente i tempi d’attesa per il cliente. La transizione digitale è una sfida...

27 Dicembre 2021

Robot e intelligenza artificiale, i piani del PNRR arrivano troppo tardi?

scritto da

L’autore di questo post è Guglielmo Gallone, laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso la Sapienza – Università di Roma – L’Italia ha adottato lo «Strategic Program on Artificial Intelligence 2022-2024». Il documento è frutto di una collaborazione tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero dell’Innovazione Tecnologica e della Transizione Digitale. Per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, dal testo emerge che «l’industria italiana è in rapida crescita, ma il suo contributo economico rimane ancora al di sotto del...

24 Dicembre 2021

Così resiste la disparità di genere nel mercato del lavoro. E per il futuro?

scritto da

Post di Luca Delvecchio, laureato in Discipline Economiche e Sociali all’Università Luigi Bocconi di Milano, ha frequentato il corso di Filosofia Teoretica presso l’Università degli Studi di Milano. Ha collaborato con l’Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia (IRER) – I fattori di sperequazione sociale e professionale tra uomini e donne, che confluiscono nel cosiddetto divario di genere o gender gap, resistono tutt’oggi nel nostro Paese come in molte altre aree del mondo. La posizione sociale della donna è profondamente condizionata da immagini stereotipiche che possono indurre comportamenti apertamente...

24 Dicembre 2021

Le donne e il Covid: come eroine durante la pandemia

scritto da

Ancora si contano i danni che il Covid ha determinato e determina. Tutto il mondo ha dovuto confrontarsi con fenomeni ampi e complessi che hanno spinto le società al loro limite strutturale. Ormai è un assunto riconosciuto, in qualunque nazione, che una delle fasce della società che hanno maggiormente pagato il Covid (e tutte le sue conseguenze come lockdown, perdita di lavoro gestione della famiglia in scenari di crisi) sono le donne. Sono le donne che hanno dovuto reggere l’urto di un evento eccezionale facendo fronte a tutte le singole problematiche: che fossero donne e manager, donne e madri, mogli oppure tutte queste...